ragazza albina assieme ad una ragazza mora con cappello

Io e i miei tratti tipicamente mediterranei

Ah ma sei la sorella di Natascia? Davvero?? Non vi somigliate per niente. Quante volte me lo sono sentita dire!

Ma non tutta Italia conosce me e mia sorella, più spesso infatti mi sono sentita dire di somigliare a una svedese, danese, finlandese o tedesca. A tal proposito fui presa come comparsa in una fiction RAI, Romanzo famigliare di Francesca Archibugi interpretando una dei deportati russi di Chernobyl. Come è ovvio ero la più bionda sul set, abbiamo girato in estate ed ero naturalmente l’unica non abbronzata, le altre comparse, molte delle quali erano davvero russe, ucraine o bielorusse sembravano caraibiche in confronto a me.

Gli albini non sono tutti uguali

Ho deciso di scrivere questo articolo per parlare di superficialità, di sguardi attenti e di occhi distratti che ho incontrato nella mia vita. La superficialità sta in questo caso nel guardare di me solo ed esclusivamente il colore cioè la parte sicuramente più vistosa. Da qui scatta l’associazione biondissima = svedese

Sono una persona che è orgogliosa della sua italianità e benché mi sia difficile portarla nel mondo con i colori caldi della Sicilia (tra l’latro, terra d’origine di entrambi i miei genitori) sento di rappresentare il mio Paese a pieno. Si può portare l’italianità anche in altri modi, con la fierezza dello sguardo, la gestualità, le parole, l’espressione del viso, ovviamente le parole e le abitudini.

Sì, una volta un collega mezzo danese e che aveva vissuto parecchi anni negli USA mi disse che io non sembravo italiana e che avrei avuto successo in America perché “ A americani piace strano”. L’idea di me così bionda che poi parto a parlare in italiano e con la gestualità tipica lo faceva sorridere.

Sono convinta che ci sia tanto di italiano in me, se si guarda attentamente, anche se gli albini si somigliano tutti, si noteranno delle differenze tra un albino italiano, uno brasiliano, uno cinese ed uno svedese, ognuno porterà con sé i tratti somatici (escluso il colore), la gestualità e le caratteristiche del proprio Paese.

Quindi quando le persone si stupiscono delle mie origini siciliane o scherzano dicendo “Eh già, con i tuoi lineamenti tipicamente mediterranei” dovrebbero considerare che la “sicilianità” non è rappresentata solo da personaggi come Maria Grazia Cucinotta e Ignazio la Russa.

A proposito di Sicilia…

Lo sapete che in Italia c’è un’alta percentuale di persone albine con provenienza dalla Terra delle arancine e paste di mandorla? il motivo non è dato saperlo, o perlomeno siamo ancora nel campo delle ipotesi ma posso dirvi che durante un Day Hspital presso l’Ospedale Niguarda (il centro di riferimento per l’Albinismo del nord italia) ho parlato con la genetista Dott.sa Lucia Mauri la quale mi raccontò che le cause di tale incidenza potrebbero essere cercate nella natura isolana della regione Sicilia, un territorio chiuso e separato dal resto dello stivale.

Le indagini proseguono e forse oggi abbiamo qualche dato in più rispetto a cinque anni fa, quando feci io la visita genetica.
Sarebbe un aspetto molto interessante da approfondire, come tanti particolari che ruotano attorno al bianco mondo degli albini.

Visita il mio profilo Tiktok per approfondire il tema dell’albinismo con pillole e consigli per la vita quotidiana.

Condividi il candore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.