ragazza albina al trucco

Sono albina e non ho mai tinto i capelli

È una delle domande della vita per una persona albina :”Ma perché non ti tingi i capelli?” e devo dire in tutta onestà che nonostante le domande è una cosa che non mi è mai passata per l’anticamera del cervello.

Da bambina e ragazzina mi veniva proposto come suggerimento o consiglio, le parrucchiere si meravigliano del mio colore naturale, lo adorano, da una parte non vorrebbero toccarlo, ma dall’altra cosa non farebbero con la mia testa. Molti non credono che i nostri capelli si possano tingere e che tengano il colore, altri sperimenterebbero volentieri.

I capelli degli albini si possono tingere?

Sfatiamo subito un mito, in circolazione dalla notte dei tempi. Sì, i capelli degli albini possono essere tinti, bisogna solo trovare la tonalità giusta, conosco ragazze e donne albine che li fanno biondo scuro o biondo castano, chi ha sperimentato le ciocche rosa o addirittura tutta la chioma rosa. Quindi sì, è possibile.

Partendo dal presupposto che la tintura dei capelli non è appannaggio solo di noi albini, che nasciamo con un colore unico e spiazzante, affascinante o fastidioso a seconda di chi ci guarda, ma riguarda invece chiunque voglia dare un tocco in più alla propria immagine, semplicemente vedersi diverso, seguire la moda, somigliare alla rock-star di turno, giocare e creare nuovi look ecc.

Ci sono dei motivi ben precisi per cui io non tingo e non ho mai tinto i capelli fino ad ora e per cui non mi viene in mente di farlo nemmeno adesso. E ve li elenco:

1. Non voglio coprire il mio “albinismo”: ho sempre sentito che molti suggerimenti che mi venivano dall’esterno erano degli inviti impliciti alla “normalità”, a nascondere la mia particolarità con la quale sono stata anche a disagio un tempo. Era un po’ come dirmi: così non vai bene.
Ed è per questo che da buona ribelle ho fatto esattamente il contrario di quello che mi veniva proposto.
Ho gestito il disagio non a partire dai capelli, ma da dentro. Ho sempre voluto essere accettata così come ero e non cambiata. Questo era un punto saldo nella mia vita;

2. Adoro le bionde: nella mia famiglia c’è sempre stato il culto della “bionda”, intesa come donna dalla pelle chiara, carina, dolce, occhi azzurri, affascinante in maniera dolce e un po’ infantile. Se ci penso i miei miti femminili di bellezza sono spesso bionde: Cameron Diaz, Nicole Kidman, Avril Lavigne, Claudia Schiffer, Michelle Hunziker…;

3. Non amo fare esperimenti sul mio corpo, sono sempre stata una donna che si trucca poco, non ho piercing, non ho tatuaggi, che ama la semplicità e non impazzisco per fare giochi di look così radicali che richiedono impegno e tempo;

4. Io più scura di così non mi riesco proprio a immaginare, credo che ci sia una certa armonia nei colori del mio volto, probabilmente con i capelli biondo scuro o castano chiaro sembrerei molto più pallida, dovrei mettere chili di fondotinta e non ho proprio voglia di munirmi di milioni di prodotti, fare mix, per me sono perdite di tempo che potrei dedicare ad altro, ciò che mi piace veramente;

5. Mi piacciono così. Wow!!! Sì, così come sono. Non l’avrei mai detto ma è successo, da bambina non adoravo i mie capelli, simbolo di diversità, loro catalizzavano tutta l’attenzione che invece meritavo di ricevere io, ora li faccio passare in secondo piano, proprio come se fossero castani;

6. Sono pigra. L’ho già detto? Sono fondamentalmente una persona pigra, la tinta ai capelli è una cosa che richiede tempo, errori, trovare la quadra, sedute dal parrucchiere, esperimenti a casa, mantenimento, ecc. Troppa roba e poi chissà dopo quanto tempo potrei ritornare al mio colore base.

Mai dire mai nella vita ma per il momento rimango fedele alle mie scelte, alle mie idee e al mio colore naturale, se dovessi diventare mora però sarete i primi a saperlo e a vederlo!!!

 

Visita il mio profilo Tiktok per approfondire il tema dell’albinismo con pillole e consigli per la vita quotidiana.

Condividi il candore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.