ragazza albina e sua sorella mora

Io e mia sorella non ci somigliamo per niente

E invece no, un po’ ci somigliamo. Non certo nel colore però.
Lei bruna, riccia, con gli occhi verdi e grandi, le sopracciglia distanti dagli occhi tipiche del taglio mediterraneo.
Io albina, liscia, viso morbido, occhi più stretti e allungati, chiari (per ovvi motivi), sopracciglia fini e vicine agli occhi. Lei più tonica e muscolosa, io più sinuosa, lei amante dell’abbronzatura anche in inverno, io che mi basterebbe stare al sole senza dover scappare ma che anche se potessi non starei spiaggiata come una lucertola con il solo obiettivo di prendere il sole. Lei logica e razionale, io emotiva e un po’ artista.

Insomma, ce ne sarebbero di differenze tra noi, come ce ne sono tra moltissimi fratelli e consanguigni.
E dunque? Molte persone vedendoci esclamano “Non sembrate sorelle!!” riferendosi solo ed esclusivamente al colore. Beh, diciamo che seguendo questo discorso non dovrei sembrare sorella di nessuno, figlia di nessuno, parente di nessuno. Non quadra direi.
Nessun albino somiglia ai fratelli o genitori, se guardiamo solo il colore, a meno che non abbiano fratelli, sorelle o genitori anche albini.
La mia professoressa di religione delle scuole superiori che aveva avuto prima mia sorella e poi me ricordo che mi disse che in realtà vedeva una somiglianza tra me e mia sorella nella parte alta del viso. L’affermazione mi lasciò perplessa anche perché avevo solo 14 anni ed ero abituata a sentirmi dire che ero diversa da mia sorella ed avevo imparato a ragionare anch’io in quel modo, cioè senza guardare.
Un po’ come fanno i bambini, che senza aver assaggiato mai un cibo in vita loro dicono “non mi piace” o dicono che un libro è divertente solo perché ha la copertina colorata e l’altro è noioso perché è spesso.

Se guardi attentamente ci assomigliamo

L’albinismo insegna a guardare più a fondo. E’ una barriera molto forte, il nostro aspetto arriva sempre prima di tutto il resto, ma quello in realtà è il destino di tutti gli esseri umani. L’aspetto di tutti arriva prima del carattere, prima della storia. Nel nostro caso l’aspetto è costituito prevalentemente dal colore ed è comunque un treno ad alta velocità di quelli super speedy che raggiunge l’occhio prima di qualsiasi altra cosa, persino prima di altri “difetti” fisici.
Quindi sì, fisicamente io e mia sorella un po’ ci somigliamo, e secondo me non dalla parte alta del viso, ma bensì da quella bassa, un po’ dal sorriso ed il mento., c’è aria di familiarità.

Prima di dire che un albino non assomiglia a sua madre, a suo padre o ai fratelli avvicinatevi e guardate attentamente perché l’albinismo è una condizione ereditaria e genetica quindi per farla breve, abbiamo anche noi dei parenti di sangue e non ci hanno trovati sotto un cavolo, e neppure ci ha portati la cicogna.

Visita il mio profilo TikTok per approfondire il tema dell’albinismo con pillole e consigli per la vita quotidiana.

Condividi il candore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.